Associazione Nazionale
"Nembo"

 

Home Su Sommario


Discuti del e sul Nembo

 

 

informazioni@nembo.info
 

Sito Segnalato su:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“ Lettera al Presidente”

Presentiamo ora all’attenzione ed alla riflessione di ciascuno, una lettera scritta dalla Signora Carla Costagli dalla quale con pregevole spontaneità, sincera partecipazione, umana commozione, emergono i ricordi personali di tutta una vita trascorsa all’ombra della Bandiera del Nembo.

Grazie di cuore Carla, da parte di tutti noi.

Caro Presidente, cari lettori,
sono la moglie di un militare che ha servito la bandiera del Nembo per diciassette anni consecutivi— dal 1970 al 1987— e vorrei con questo scritto parlare di come io, donna, abbia vissuto l’esperienza di una vita in mezzo ad altre come me ed ai loro “uomini in armi”. Ricordo ancora nettamente quel giorno a Torino, dove vivevo e lavoravo, in cui l’allora mio fidanzato mi comunicò che la sede destinatagli non era (come desideravamo entrambi) Torino ma, purtroppo, Gradisca d’Isonzo in provincia di Gorizia al Reggimento NEMBO. Compresi subito che quel purtroppo era indirizzato a me, per alleviare la mia delusione, ma che in realtà era orgoglioso dell’assegnazione! Da brava maestrina tracciai mentalmente una linea che da Torino arrivava a Gorizia: praticamente dall’altra parte dell’Italia settentrionale; mi consolai anche subito perché né i seicento chilometri di lontananza, né questo fantomatico Nembo avrebbero scalfito la nostra unione. Giovani, con tanti progetti ed innamorati, programmammo subito il nostro futuro e così mentre Lui partiva per raggiungere la sua meta, io rimasi per concludere il periodo di lavoro (ero impiegata a tempo determinato), preparare il trasloco dei pochi mobili ed iniziare finalmente la nuova avventura. Che emozione quando, qualche mese dopo, arrivai alla stazione di Cervignano e trovai ad attendermi il mio Tenentino e che sensazione piacevole attraversare in macchina quei paesi così puliti, così tranquilli , arrivare all’ albergo di Gradisca dove avrei dovuto rimanere in attesa di trovare un appartamentino tutto per noi!  Giunse anche il giorno in cui entrai per la prima volta nella Caserma Ugo Polonio e l’inevitabile ostilità che avevo provato fino ad allora per tutto quello che riguardava il Nembo , scomparve alla vista di quei vialetti così ben tenuti, di quel verde così curato, di quei bassi edifici e soprattutto di quel magnifico circolo ufficiali. Stanze variamente arredate, saloni enormi, un caminetto che faceva pensare a piacevoli conversazioni, un tavolo immenso e maestoso , vetrinette antiche colme di argenti pregiati, lampadari dalle mille luci: da rimanere abbagliati! Ma l’ultima mia resistenza cadde quando cominciai ad essere presentata alle persone presenti, così naturali, senza ostentazione di gradi e così pronte a farmi sentire a mio agio , a farmi sentire “a casa”. La giornata militare era riservata ai militari, ma le loro poche ore di libertà ( i pomeriggi di qualche sabato e delle domeniche) ci si ritrovava per il piacere di stare insieme, per chiacchierare, per fare festa. Qualche sera si cenava al circolo con le pietanze che ognuna di noi preparava a casa , altre volte si andava in una trattoria del Carso dove il proprietario riservava per noi tutta una stanza in cui i bambini potevano muoversi in libertà senza disturbare gli altri avventori; e poi c’erano le Feste di Corpo con la cerimonia militare al mattino (che trepidazione ogni volta nel vedere gli M113 sfilare, le squadre di militari che eseguivano saggi ginnici e sfidavano il fuoco, l’assalto al fortino…...) e la serata di gala allietata da musica e danza ed i bambini piccoli a dormire in una stanza preparata appositamente per loro. I primi anni ho praticamente vissuto cercando di regolare le mie giornate (e le notti) agli impegni del battaglione: i picchetti , i campi estivi ed invernali che duravano una quarantina di giorni, le esercitazioni varie e, in anni successivi, anche gli impegni di ordine pubblico in Sicilia, in Calabria……… e le partenze erano senza dubbio tristi, i ritorni erano un momento magico: ci si ritrovava (mogli e bambini) ad attendere i nostri “guerrieri” all’aeroporto, alla stazione, all’ingresso della Caserma per vederli arrivare e riportarli a casa, magari davanti ad un pranzetto preparato esclusivamente per loro.

Naturalmente non sempre era tutto così gioioso; ci sono stati - come in tutte le famiglie - screzi e malumori, divergenze di opinioni e contrasti, ma quando c’era da difendere il buon nome del battaglione erano tutti in completo accordo fra di loro; era come se si ergesse un muro a protezione totale del Nembo e dei suoi Uomini: proprio come il famoso tutti per uno e uno per tutti

Ci sono stati anche momenti tragici, come il terremoto che scosse il Friuli nel 1976 e che ci dimostrò come è fragile la vita umana. Pensando a quei giorni lontani, mi sento ancora pervadere dall’angoscia all’idea di quei paesi distrutti, di quelle persone morte e di quelle rimaste senza casa e senza le più elementari necessità: acqua, cibo, vestiario. Mentre i nostri uomini partivano per aiutare le popolazioni costruendo prefabbricati, allestendo cucine da campo, aiutando i soccorritori a rimuovere le macerie in cerca di sopravvissuti, l’allora Comandante permise a noi familiari di utilizzare alcuni vialetti della Caserma per parcheggiare le nostre automobili diventate per l’occasione l’unico mezzo per poter dormire la notte più tranquilli, lontani dalle nostre case scosse dai movimenti tellurici. Ma la vita continua…….ed arrivò il giorno in cui salutammo il Nembo perché mio marito era stato designato al comando di un altro Battaglione. Abbracci, baci, discorsi; vollero che anch’io dicessi qualcosa e, vinta l’emozione, espressi proprio quello che sentivo nel cuore : “ sono stata, sono e rimarrò una Signora del Nembo”. Gli anni trascorsi in quel contesto sono stati per me, oltre che per mio marito, molto importanti e l’esperienza acquisita mi ha permesso di affrontare molti ostacoli solamente pensando a cosa avrei fatto se fossi stata al Nembo. Questi sono i motivi che mi hanno spinto a scrivere e ringrazio il Presidente dell’Associazione Nembo, Pieralberto Pagoni; ma soprattutto, proprio io come donna e moglie di un militare, ringrazio Lui ed i suoi Consiglieri per l’impegno e la disponibilità dimostrata a continuare nel ricordo degli anni passati per far rivivere quel calore umano, quell’abnegazione, quel senso di Amore Patrio che molte volte ci dimentichiamo di avere. Quando ci ritroviamo per la Festa di Corpo, per gli auguri di Pasqua e Natale, mi commuovo nel vedere quanti, da città e lontananze diverse, ritornano a Cervignano per onorare quella che è stata la loro Bandiera : sono momenti magici, di commozione e di allegria per essere ancora una volta insieme. Mi rammarico, altresì, per tutti coloro che, per vari motivi , non intervengono perché non sanno di perdere qualcosa che vale molto più di un piccolo sacrificio: quel calore umano che attraverso le difficoltà della vita accomuna quanti hanno avuto l’onore di gridare ciò che i bambini del battaglione imparavano, dopo mamma e papà:
ORA E SEMPRE…. NEMBO !!!!!
Grazie.

Inviare a informazioni@nembo.info un messaggio di posta elettronica contenente domande o commenti su questo sito Web.
Copyright ©  Associazione Nazionale "Nembo"